SCIMPANZE': PAN TROGLODYTES

Scimpanzé

Notizie sugli Scimpanzé

Scimpanzé in Pericolo

Scimpanzé in Italia

News Scimpanzé

Visita il sito del JGI Center For Primate Studies


 

Ascolta l'intervista di Margherita d'Amico a Jane Goodall

COSI' SIMILI A NOI

č il programma del JGI per la denuncia delle deplorevoli condizioni nelle quali spesso si trovano gli scimpanzé in cattivitŕ, il monitoraggio e la tutela degli scimpanzé in cattivitŕ, l’educazione al rispetto verso questa specie cosě simile alla nostra.

Le Grandi Scimmie, compresi noi umani, sono primati e tutti appartengono alla stessa famiglia tassonomica degli Hominidae. Oltre al genere Homo, la famiglia include i generi Pan (scimpanzé), Gorilla e Pongo (orango) con in tutto sette specie:

  1. Uomo o Homo Sapiens.

  2. Scimpanzé comprende due specie:

    1. Pan paniscus (conosciuto anche come scimpanzé pigmeo o bonobo);

    2. Pan troglodytes (sottospecie: p.troglodytes verus o robusto occidentale, p.troglodytes velerosus o robusto della Nigeria, p.troglodytes troglodytes o robusto centrale, p.troglodytes schweinfurthii o robusto orientale).

  3. Gorilla comprende due specie:

    1. Gorilla beringei o gorilla orientale (sottospecie: G.beringei graueri o gorilla orientale di pianura, G. beringei beringei o gorilla di montagna, G. beringei ssp o gorilla di Bwindi);

    2. Gorilla gorilla o gorilla occidentale (sottospecie: G.gorilla gorilla o gorilla occidentale di pianura e G gorilla diehli o cross-river gorilla.

  4. L’Orango comprende due specie:

    1. Pongo abelii o orango di Sumatra;

    2. Pongo pygmaeus o orango del Borneo.

Gli scimpanzé dovrebbero vivere liberi nelle foreste protette dell’Africa. Se sfortunatamente sono costretti alla cattivitŕ, le strutture che li ospitano devono garantire loro benessere fisico ed equilibrio comportamentale. Inoltre, un messaggio fondamentale deve essere trasmesso da queste strutture a un pubblico il piů possibilmente vasto: che anche gli scimpanzé, come gli esseri umani, preferiscono essere liberi e che i luoghi dai quali provengono sono unici e bisognerebbe proteggerli.

Il JGI Italia si occupa del miglioramento delle condizioni di vita dei primati in cattivitŕ attraverso l'arricchimento ambientale e relazionale. Ha trasferito con successo scimpanzé vissuti a lungo in isolamento o strappati al traffico illegale ora accolti in strutture adeguate dove possono condividere la loro esistenza con altri scimapnzč, anche in condizioni ci semi libertŕ.

SOSTIENI RAMBO STORIA DI BINGO STORIA DI COZY

“Il benessere psicologico dello scimpanzé in cattivitŕ dipende dalle
seguenti disponibilitŕ: spazio per attivitŕ vigorose quali correre,
arrampicarsi e dondolare, per garantire un adeguato esercizio fisico;
materiale per fare nidi comodi come sostituti al nido sull’albero;
contatti sociali frequenti con altri scimpanzé e persone responsabili;
opportunitŕ di stabilire legami sociali stretti in gruppi misti per etŕ e
per sesso; varietŕ nella routine quotidiana, anche nella dieta,
nelle interazioni sociali, per la manipolazione degli oggetti,
e la presenza di stimoli intellettivi.”

(Reccomandation to USDA on Improving Conditions of Psychological
Well-Being for Captive Chimps)

LA DICHIARAZIONE DI KINSHASA: per la sopravvivenza delle Grandi Scimmie

Il 9 settembre 2005 il Meeting Intergovernativo sulle Grandi Scimmie tenutosi a Kinshasa (vai alla relativa news) si č concluso con la sottoscizione della Dichiarazione di Kinshasa da parte dei Ministri dei 23 Paesi che ospitano le grandi scimmie, dei rappresentanti delle correlate convenzioni sulla biodiversitŕ, della Commissione Europea, della Commissione per le Foreste dell'Africa Centrale (COMIFAC), di UNEP, UNESCO, delle NGO tra cui il Jane Goodall Institute.

Nel documento, i firmatari si impegnano a fare ogni cosa in loro potere per assicurare un futuro alle grandi scimmie e:

punto elenco

confermare adesione e sostegno alla strategia globale del GRASP (Progetto per la Sopravvivenza delle Grandi Scimmie), e dunque attivare misure efficaci per rispondere alle minacce che mettono in pericolo la sopravvivenza delle grandi scimmie;

punto elenco

sottolineare la necessitŕ di incoraggiare e incrementare la cooperazione tra i Paesi in cui le specie sono presenti per assicurare l’effettivo rispetto della legislazione sulle grandi scimmie e sforzi coordinati per fermare quelle attivitŕ che hanno conseguenze deleterie sulle popolazioni di grandi scimmie;

punto elenco

enfatizzare il ruolo di misure nazionali e internazionali e la partecipazione a iniziative regionali, incoraggiare la ratifica e adesione a trattati quali i MEA (Millennium Ecosystem Assessment) su biodiversitŕ e conservazione;
promuovere lo sviluppo e l’attuazione dei Piani Nazionali per la Sopravvivenza delle Grandi Scimmie (NGASP) nei Paesi interessati dalla loro presenza;

punto elenco

incoraggiare i partner del GRASP e gli altri a sostenere gli Stati interessati dalla presenza di grandi scimmie nella realizzazione dei loro Piani (NGASP);

punto elenco

favorire tra le comunitŕ locali la realizzazione di benefici economici ecologocamente sostenibili a lungo termine;
invitare le istituzioni e agenzie internazionali a favorire le politiche che promuovono tra le popolazioni locali programmi ecologicamente sostenibili per il sostentamento, prevenendo cosě quelle attivitŕ nocive alla sopravvivenza delle grandi scimmie;

punto elenco

riconfermare l’impegno affinché il GRASP possa avere la capacitŕ di realizzare pienamente il suo potenziale;
decidere di fissare l’obiettivo di assicurare la riduzione costante e significativa della attuale diminuzione della popolazione delle grandi scimmie al 2010 e assicurare il futuro di le specie e sottospecie delle grandi scimmie in natura per il 2015;

punto elenco

invitare la comunitŕ internazionale a offrire un supporto valido e coerente, incluso il supporto economico, per aiutare gli sforzi fatti dai Paesi che ospitano le grandi scimmie.

Per maggiori informazioni:
http://www.un-grasp.org/intergovernmental-meeting-kinshasa.

 

 

 

home :: chi siamo :: Jane Goodall :: Attivitŕ :: News :: Scimpanzé :: Come Sostenerci :: Letture :: Contatti :: English Version :: 5xmille

© Istituto Jane Goodall Italia Onlus C.F.: 93051410756. Tel/Fax: +39 0875 702504/06 36001799