UMANITA': ANNO SELEZIONATO 2011

UMANITA'

 

ALTRI ANIMALI

 

PREMIO FATYNA 2011 A MASSIMO DI FORTI

Il Premio Fatyna 2011 del Jane Goodall Institute Italia è andato al giornalista Massimo Di Forti. Il Premio è riconoscimento simbolico di valore morale conferito annualmente dal Jane Goodall Institute Italia ad una personalità del mondo dell’informazione e della comunicazione che ha contribuito in modo significativo allo sviluppo dell'Organizzazione sostenendone i progetti o divulgandone i principi. Il riconoscimento è stato consegnato a Massimo Di Forti da Jane Goodall lo scorso 24 novembre, in occasione della tre giorni italiana dedicata alla scienziata. “Sin dalla mia prima visita in Italia” ha affermato Jane Goodall “Massimo Di Forti ha raccontato del mio lavoro come scienziata e come Messaggero di Pace per l’ONU, dando così voce al messaggio e all’ operato dell’Istituto e ai suoi progressi”.
Massimo Di Forti collabora da molti anni con Il Messaggero occupandosi di cultura e di moda. La sua attenzione verso i grandi temi che impegnano l’uomo, dalla pace all’arte, dall’antropologia all’ambientalismo, lo ha portato ad intervistare tra le più grandi personalità internazionali nel campo della politica, dell’arte, della scienza, della solidarietà internazionale. Nel corso degli anni Massimo Di Forti ha affiancato il Jane Goodall Institute Italia sostenendone l’impegno anche attraverso la sua personale partecipazione alle attività e contribuendo in modo significativo a promuovere la figura di Jane Goodall e l’operato del Jane Goodall Institute Italia. “Attraverso i suoi articoli e le sue interviste sempre volti a cogliere e dimostrare quanto di meglio l’intelletto umano possa dare attraverso l’arte, la scienza e l’attivismo, Massimo Di Forti”, afferma Daniela De Donno, Presidente del Jane Goodall Institute Italia, “promuove una cultura della conoscenza con una fiducia nelle qualità umane che si accorda pienamente col pensiero di Jane Goodall e con l’operato dell’Istituto”.

Il Premio prende il nome da una bambina tanzaniana, Fatyna, oggi ospite del Centro “Sanganigwa Children’s Home” sostenuto dal Jane Goodall Institute Italia, orfana di madre che il padre in fin di vita aveva programmato di uccidere non avendo a chi lasciarla. La bambina è protagonista del video-documento di Giuliana Palmiotta prodotto dal JGI Italia "I bambini di Kigoma".

Una candela per un sorriso
Lecce, 15-22 dicembre

Come ogni anno il JGI vi aspetta a Lecce per il consueto appuntamento "Una candela per un Sorriso" organizzato da Gabriella De Donno per sostenere il progetto "Sanganigwa" in favore dei bambini di Kigoma in Tanzania. Lo stand del JGI è dal 15 al 22 dicembre all' Ex-convento Teatini di via del Corso, nell'ambito della mostra mercato Antiqua Mores promossa dal Comune di Lecce e organizzata da Anna Piconte.

"ROMAKIGOMA - Libri Uniti per la Pace" presentato alla Biblioteca Flaminia

Il 15 dicembre alle ore 16.00 presso la Biblioteca Flaminia la nostra associazione presenterà il progetto "ROMAKIGOMA - Libri Uniti per la Pace" inserito nella Campagna Biblioteche Solidali del Comune di Roma.
Il progetto è finalizzato al completamento della biblioteca di Sanganigwa attraverso diverse iniziative di raccolta fondi organizzate dal circuito Biblioteche di Roma e dalle associazioni vincitrici del bando.
La Biblioteca Flamina (Municipio II, via Cesare Fracassini 9), è tra le biblioteche che hanno "adottato" il nostro progetto e con questa iniziativa ne promuovono una prima conoscenza presso ragazzi, genitori, insegnanti e altri utenti della biblioteca.
In questa occasione verrà effettuato un mercatino di libri e altri oggetti finalizzato a raccogliere fondi per tutti i progetti della campagna Biblioteche Solidali.

Intervista a Jane Goodall
RAI 5: 12 dicembre ore 15.30

12 dicembre. Questo pomeriggio alle ore 15.30 su Rai5 andrà in onda l’intervista a Jane Goodall realizzata in occasione della consegna dell’onorificenza di Onore al Merito di Grande Officiale della Repubblica Italiana avvenuta il 24 novembre a Roma. Nella splendida cornice di Villa Wolkonsky, residenza romana dell’Ambasciatore britannico, Jane Goodall ha parlato del suo rapporto privilegiato con gli animali e del grande impegno a favore dell’educazione dei giovani, cui è affidato il futuro del Pianeta. Per chi dovesse perdere l’appuntamento, una replica andrà in onda questa notte alle ore 00.45 o domani (martedì 13 dicembre) alle ore 7.30 e 11.30. Inoltre, sarà possibile vedere l’intervista visitando il sito www.rai.it sia nel giorno della diretta (cliccando "guarda la diretta" e cercando Rai5) sia nella settimana successiva alla messa in onda (cliccando RAI REPLAY e cercando Rai5).

Jane Goodall Institute Italia
su Radio Bau

Il Jane Goodall Institute Italia si racconta su Radio Bau, canale radiofonico partner di Radio Montecarlo dedicato al mondo degli animali, in una puntata incentrata sulla figura di Jane Goodall e sulle attività che il suo istituto, in Italia come nel mondo, porta avanti per difendere i diritti dell’uomo e per tutelare gli animali e l’ambiente. Intervistata da Zanna Bianca, Daniela De Donno, presidente del JGI Italia, ha parlato della sua amicizia con Jane Goodall e della nascita dell’istituto italiano che, nel nome della grande scienziata inglese, si dedica a progetti di cooperazione allo sviluppo in Tanzania. Se vi siete persi la puntata andata in onda martedì scorso, potete sempre ascoltare la replica che verrà trasmessa sabato 10 dicembre alle ore 10 e alle ore 22. Buon ascolto.

T-Shirt d'autore, Studio NegriFirman, Fondazione Serbelloni tutti per
la Casa del Volontario di Sanganigwa, Kigoma

In occasione dell'evento del 23 novembre 2011 che il Jane Goodall Institute Italia ha realizzato in collaborazione con lo Studio Negri Firman e la Fondazione Serbelloni, patrocinato dal Comune di Milano, sono stati raccolti €5730. La somma ricavata dalle vendite delle T-Shirt d'autore è stata interamente devoluta al JGI Italia per la ristrutturazione della Casa del Volontario di Sanganigwa a Kigoma, Tanzania. Le T-Shirt saranno ancora in vendita presso lo showroom Environment, via G. Sacchi 5, Milano per tutto il mese di dicembre.
Un grazie di cuore a quanti, con un piccolo gesto, contribuiranno a facilitare il prezioso lavoro dei volontari per la comunità di Kigoma.

Reciclart
Scuola Primaria Federico Di Donato
Roma 7 dicembre ore 14

Il 7 dicembre si terrà una presentazione del Jane Goodall Institute Italia presso la scuola Primaria Federico Di Donato dell’Istituto Comprensivo Daniele Manin di Roma. I bambini guidati dall'artista Leonella Masella, volontaria del JGI Italia, con il coordinamento delle insegnanti Rosaria D’Amico (V elementare Sez. A e B) e Patrizia Pellegrini (V elementare Sez. C), stanno seguendo laboratori settimanali per il reciclo dei materiali di scarto per capire l' importanza del loro riutilizzo. I bambini realizzeranno prodotti che andranno all'asta a sostegno dei bambini dell'orfanotrofio Sanganigwa.

Istituto comprensivo: www.danielemanin.org

GIORNATA MONDIALE DELL'AIDS
Diminuisce il numero di infetti

Il JGI Italia lavora ogni giorno per sostenere i bambini orfani a causa dell’AIDS della Tanzania attraverso il progetto di cooperazione “Sanganigwa”. In occasione della Giornata Mondiale per la lotta all'AIDS riportiamo il messaggio del Segretario Generale dell'ONU, 1 dicembre 2011: Stiamo entrando nel quarto decennio dall’inizio della lotta contro l’AIDS e siamo finalmente in grado di porre fine a quest’epidemia. I progressi che abbiamo compiuto fino ad oggi sono la prova che siamo in grado di raggiungere i nostri obiettivi: zero nuove infezioni da HIV, zero discriminazione e zero decessi causati dall’AIDS. Il numero di nuovi infetti è diminuito di oltre il 20% dal 1997 e continua a diminuire nella maggior parte del mondo. Nell’Africa sub-sahariana, la regione più colpita dall'epidemia di AIDS, l'incidenza dell'HIV è diminuita in ventidue paesi.

Leggi il documento completo
Maggiori informazioni: www.unric.org           http://www.worldaidscampaign.org/ 

Campo polifunzionale a Sanganigwa

Finalmente è stato terminato il campo polifunzionale a Sanganigwa.
Un grazie di cuore va agli amici della US Roma83 e al Comune di Pelago, senza il loro sostegno non sarebbe stato possibile realizzare questa struttura che permetterà a tutti gli ospiti dell'orfanotrofio di giocare in sicurezza e in ogni stagione, il vecchio campetto durante la stagione secca è spesso inutilizzabile per la notevole quantità di polvere che si solleva.

Torna in Italia Jane Goodall
GRANDE UFFICIALE
ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA
NOVEMBRE: MILANO 23 - ROMA 24 - NAPOLI 25

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano conferisce alla Professoressa Jane Goodall l'onorificenza di Grande ufficiale Ordine al Merito della Repubblica per il suo lavoro straordinario sui primati, per la sua azione determinante in favore del rispetto della biodiversità e dei popoli, e per gli sforzi nell’educare e mobilitare il più grande numero di giovani. Il Jane Goodall Institute Italia celebra l'onorificenza italiana a Jane Goodall e l'Anno Internazionale delle Foreste dal 23 al 25 novembre a Milano, Roma e Napoli.

La Regione Campania incontra Jane Goodall
Primo workshop "Modello Jane Goodall: Missione Possibile"

Il giorno 12 ottobre scorso si è tenuto a Napoli, Palazzo della Regione Campania di via Marina, il workshop di preparazione all’incontro con Jane Goodall previsto il 25 novembre, nell’ambito delle celebrazioni per l’onorificenza concessa dal Presidente della Repubblica.
Al workshop hanno preso parte oltre 20 persone tra funzionari della Regione Campania- Assessorato Tutela Ambiente e del Corpo Forestale dello Stato, operatori del CEA “La Primula” e dell’associazione ProNatura.
Per il JGI Italia erano presenti la presidente Daniela De Donno, Marisa Ceccarelli e Maria Sannino.
E’ prevista a breve la realizzazione di un secondo workshop, sulle medesime tematiche, riservato ai docenti delle classi che incontreranno Jane Goodall.


 
Photo© JGI-Italia

Seminario sull'AIDS
Kigoma, Tanzania

I ragazzi di Sanganigwa Children's Home hanno incontrato l'esperto del dipartimento regionale sulle problematiche legate alla sanità per un seminario organizzato presso il Centro sull'AIDS. L'esperto ha tenuto una vera e propria lezione sull'origine dell'AIDS, la prevenzione e la cura. Il seminario è stato seguito con estremo interesse dai ragazzi che conoscono bene quanto questa malattia abbia afflitto e ancora minacci gravemente la loro comunità e tutta l'Africa equatoriale.


 

Photo© JGI-Italia
 

Workshop lavorazione della creta
Kigoma, Tanzania

E' stato organizzato per i bambini di sanganigwa un laboratorio per la lavorazione della creta, arte tradizionale. Sono poche le attività artigianali di questa regione così remota e povera della Tanzania. La fabbricazione di utensili di argilla per la cucina, la conservazione dell'acqua e degli alimenti è attività molto antica che si pratica ancora con regolarità nelle campagne della regione. Il JGI Italia ha introdotto il laboratorio per la lavorazione della terracotta da alcuni anni con l'obiettivo, oltre quello di imparare un mestiere, di coinvolgere i ragazzi più difficili che, attraverso questa attività, possono esprimersi, riprendere ciò che cevano all'interno della propria famiglia prima della perdita dei genitori, rilassarsi. La partecipazione a quest'attività è sempre numerosa.

Mercatino di abiti vintage

Si è tenuto domenica 20 novembre un Mercatino di Abiti Vintage per raccogliere fondi per i bimbi del "Sanganigwa Children's Home" di Kigoma, in Tanzania, sostenuto dal JGI Italia.
La vendita - organizzata da Daniela Pelati con il sostegno di Paola Diligenzi e Anna Mannini- è avvenuta nel foyer del'auditorium dell'ExFila in occasione di uno dei concerti del ciclo "CAMon! Afternoon party".
IL Mercatino è stata una occasione peri far conoscere al pubblico la realtà di Kigoma e l'impegno del Jane Goodall Institute Italia per i minori disagiati della regione, in particolare bambini orfani per l'AIDS e ragazzi di strada. Molti i capi d'abbiglimento esposti e acquistati dai numerosi amici intervenuti.

In Viaggio verso Gombe

Il progetto in Viaggio verso Gombe è dedicato ai ragazzi di Sanganigwa Children's Home e in generale alla comunità di Kigoma per favorire la conoscenza del parco e la comprensione della biodiversità. E' sostenuto dal JGI Italia e dalla Riserva Naturale Canale Monterano diretta da Francesco Maria Mantero. Sono migliaia ogni anno i turisti provenienti da tutto il mondo che si recano a Gombe per visitare il Parco Nazionale e osservare gli scimpanzé. Il programma "In Viaggio verso Gombe" è nato dalla semplice considerazione che la popolazione che vive poco distante dal parco e che è la prima a dover preservare il proprio patrimonio naturale in maggiornaza non ha mai visitato il Parco che disca 24 kilometri percorribili via lago (circa due ore). Il programma ha l'obiettivo di creare questa opportunità per i giovani della comunità così promuovendo la tutela della biodiversità.


 

Photo©
Rambo, RD Congo

RAMBO PUO' VOLARE

Grazie al sostegno di molti è stata raccolta la somma necessaria per permettere il trasferimento dello scimpanzé Rambo dal villaggio di Rungu al santuario degli scimpanzé di Lwiro. Oltre al JGI Italia, che ha raccolto 3130,73$ abbiamo potuto contare sul sostegno del JGI Germania che ha raccolto 2200$ e sul JGI Svizzera che ne ha raccolti 2000$. I fondi saranno impiegati per la benzina e per il viaggio di una persona che si recherà da Lwiro a Rungu a prendere lo scimpanzé. Il rimanente andrà al santuario di Lwiro che è sovraffollato per la presenza di scimpanzé confiscati Santuario dei Primati di Lwiro (costo annuale a Lwiro per mantenere uno scimpanzé circa 3500$). Mille grazie a tutti per aver risposto al nostro appello.

Aiutateci a mettere al sicuro Rambo, ora!
Storia del piccolo scimpanzé Rambo

27 settembre 2011. Rambo è un piccolo di scimpanzé catturato nella foresta che circonda Rungu, un villaggio della Repubblica Democratica del Congo. In questa zona dell’Africa gli scimpanzé adulti sono comunemente uccisi per la loro carne, mentre i piccoli rimasti orfani venduti come animali da compagnia o allevati per poi essere mangiati. La stessa sorte sarebbe toccata a Rambo se Astrid e Ugo, due ragazzi italiani che lavorano per una ong lombarda a Rungu, non lo avessero salvato dalle mani dei bracconieri che glielo hanno consegnato forse sperando in una ricompensa o di venirlo a riprendere in un secondo momento per vendere le sue prelibate carni selvatiche, confidando che i due giovani, nel frattempo, lo avrebbero ben nutrito. Ma Rambo è stato fortunato. Ha incontrato Astrid, Ugo e il Jane Goodall Insitute Italia che, contattato dai due ragazzi, si è subito impegnato per assicurare la sua sopravvivenza. Nonostante sia sovraffollato per la presenza di moltissimi altri scimpanzé orfani vittime dello stesso traffico illegale di carne selvatica, il Santuario dei Primati di Lwiro ha accettato di prendersi cura di Rambo. Ma il Congo è un paese molto esteso e Rambo può essere trasportato a Lwiro solo in aereo. Non essendo possibile usare la compagnia aerea locale, la Frankfurt Zoological Society ha messo gentilmente a disposizione un suo aereo presente in zona, ma occorrono circa 4 mila dollari (circa 2.900 euro) per coprire le spese di benzina e di viaggio per due operatori del Santuario che dovranno andare a Rungu a prendere il piccolo. Astrid e Ugo hanno dovuto lasciare il Congo poiché la loro esperienza lavorativa si è conclusa. Hanno lasciato Rambo, in attesa di trasferimento, in custodia a due persone che non possono tenerlo oltre. Il JGI-Italia ha bisogno di aiuto per arrivare a raccogliere l’intera somma, per questo stiamo avviando una raccolta fondi e chiunque volesse aiutare Rambo può fare una donazione sul conto corrente postale del JGI Italia numero 17559733 scrivendo nella causale: RAMBO AL SICURO-TRASFERIMENTO. Grazie di cuore per l’aiuto.

Vai alla news successiva
Per informazioni: 0636001799 -
 

Survey a Sanganigwa sugli animali da allevamento

Sanganigwa ha potuto contare sulla veterinaria Radiosa Rinaldi per una valutazione dello stato degli animali tenuti presso l'orfanotrofio e destinati a coprire parte del fabbisogno alimentare dell'orfanotrofio. Oltre alla necessità di effettuare alcune opere di mantenimento per il pollaio, l'area per le anatre e quella delle capre è stato deciso di sostituire il piccolo allvamento di mucche, poco produttivo ed economicamente oneroso, con quello di capre, più resistenti alle malattie. Sarà promosso tra i bambini il latte di capra, sempre ricco in carboidrati e proteine ma più digeribile e meno grasso del latte vaccino.

Il Metodo Scientifico: il metodo migliore per acquisire conoscenza

Il metodo scientifico minimizza l’influenza di parzialità, pregiudizio e discriminazione nella conduzione degli esperimenti che si conducono per testare un'ipotesi o una teoria. Uno studio dell'Unione Europea ha evidenziato che solo il 25% degli italiani comprende il metodo scientifico. Tra i nord europei (Svezia, Finlandia, Danimarca, Olanda), al contrario, la stima supera il 50%. In un articolo molto interessante Gilberto Corbellini (Il Sole 24 ore) ci fa notare che questi stessi Paesi nord europei hanno anche i più alti indicatori di libertà, efficienza economica e gradimento della democrazia. Suggeriamo la lettura dell'articolo di Corbellini e ricordiamo che il workshop "Modello Jane Goodall: Missione Possibile" del JGI Italia ha tra i suoi obiettivi, sin dalla nascita del programma Roots&Shoots di educazione ambientale e umanitaria nel quale è inserito, la diffusione tra i giovani della comprensione del metodo scientifico.

L'articolo di Corbellini: http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2011-04-16.

Presentazione a “San Lorenzo in piazza” (ROMA) della Campagna Biblioteche Solidali (CBS) e del progetto del JGI Italia “RomaKigoma-Libri Uniti per la Pace”

Il 9 settembre alle 20,30 nell’ambito della manifestazione dell’Estate Romana “San Lorenzo in Piazza”, verrà effettuata la presentazione generale della CBS e dei progetti ammessi a finanziamento per il biennio 2011-2013. Tra essi anche il progetto del JGI Italia “RomaKigoma Libri Uniti per la Pace”, finalizzato all’allestimento della biblioteca di Sanganigwa e alla formazione del personale locale che se ne dovrà occupare.
Interverranno il Presidente di Biblioteche di Roma, Francesco Antonelli, Silvia Bazzocchi responsabile della CBS, rappresentanti delle 10 associazioni partecipanti alla Campagna.
La serata del 26 settembre sarà dedicata, sempre nell’ambito di questa manifestazione, ai progetti che riguardano l’Africa, con una presentazione più dettagliata del progetto del JGI, proiezione di filmati, incontri e attività diversificate volte a far conoscere meglio la realtà di questo continente.
In allegato il programma delle attività delle singole giornate.
Leggi il programma

Il Gusto dell’Arte...L’Arte del Gusto
1-11 settembre
PELAGO CENTRO STORICO E PIAZZA GHIBERTI

Come ogni anno il JGI Italia sarà presente all'appuntamento, ormai consolidato per tutti i pelaghesi, con la Mostra Mercato " Il Gusto dell’Arte...L’Arte del Gusto" organizzata dal Comune di Pelago e Assessorato allo Sviluppo Economico e Turismo e CNA Firenze area sud-est fiorentino in collaborazione con la Pro-Loco di Pelago e la CNA Pensionati Firenze.
Sabato 3 alle 16 in piazza della Repubblica la coordinatrice locale del JGI Italia, Fiorella Braccini Del Lungo, e il Gruppo terza età “Lucia Rasponi” presenteranno la mostra "Donne di ieri, bisononne e nonne di oggi per uomini e donne di domani" e il progetto Sartoria, rivolto alle ragazze del centro diurno Sanganigwa B Street children di Kigoma, da anni sostenuto dal JGI Italia e il Comune di Pelago.
http://www.comune.pelago.fi.it/

Festival dell'Ambiente
Sanganigwa, Kigoma

Si è tenuta a Sanganigwa il 22 agosto la seconda edizione del Festival dell'Ambiente per i bambini e ragazzi di Kigoma, Tanzania. Vi hanno partecipato 92 bambini che hanno tenuto performance teatrali, acrobatiche e canore dedicate ai temi dell'igiene e della protezione della natura. Sono intervenuti il presidente della provincia Johon Mongela, il direttore del Gombe Stream Research Center dr. Anthony Collins, la presidente JGI Italia Daniela De Donno. Nell'ambito di questa occasione il JGI Tanzania ha donato alcuni libri sulle tematiche ambientali per la biblioteca del Centro Sanganigwa Children's Home. La giuria, composta dagli assessori al sociale e allo sport del municipio di Kigoma e dalla veterinaria italiana Radiosa Rinaldi, ha selezionato i vincitori per quattro categorie : il "Mama Giuliana Award" sui temi di Igiene ambientale e personale è stato vinto dalla coordinatrice del gruppo appartenente al centro diurno per ragazzi di strada "Sanganigwa B" Sister Chrispus, il premio "Jane Goodall" per la tutela della natura è andato a Gaudenzia Mihungu che ha coordnato le performance dei ragazzi di "Sanganigwa Children's Home", il premio "Roots&Shoots" per la protezione degli animali è stato assegnato alla associazione "Youth against Poverty and Hunger". Il premio speciale "Adrian Jackson" per la miglior performance è stato vinto dalla giovanissima Delphina Martin. Infine, a tutti i bambini partecipanti è stato consegnato un dono e offerto un rinfresco.

NUTRI IL TUO CUORE
mercatino vintage e bijoux
21 agosto 2011
Campo Verde, Lecce

Si è tenuto il 21 agosto nel villaggio Campo Verde di San Cataldo, Lecce, la terza edizione del Mercatino solidale "NUTRI IL TUO CUORE" per i bimbi del "Sanganigwa Children's Home" di Kigoma, in Tanzania, sostnuto dal JGI Italia. "Nutri il Tuo Cuore" è un evento organizzato annualmente da Luisa degli Atti Leucci che può contare sulla partecipazione e il sostegno di tante volontarie e volontari. IL Mercatino permette di far conoscere al pubblico la realtà di Kigoma e l'impegno del Jane Goodall Institute Italia per i minori disagiati della regione, in particolare bambini orfani per l'AIDS e ragazzi di strada. Tra i molti oggetti esposti al mercatino, destinati alla raccolta fondi, i bijoux firmati Luisa e Cecilia Leucci.
Lo scorso anno il ricavato del mercatino è stato impiegato per il programma educativo/scolastico dei bimbi dell'orfanotrofio Sanganigwa.
Questa terza edizione di "Nutri il Tuo Cuore" permetterà di realizzare una cisterna per la raccolta delle acque piovane per una casa-famiglia che presto ospiterà i bambini di Sanganigwa. L’elemento acqua costituisce una priorità assoluta per lo svolgimento di qualsiasi attività presente e futura. Nonostante la città di Kigoma si affacci sul lago Tanganica, il Centro di accoglienza è per la maggior parte del tempo privo di acqua a causa del cattivo funzionamento del sistema di erogazione statale. Le continue e prolungate interruzioni nella distribuzione d’acqua ostacolano e rallentano il normale corso delle attività ponendo in difficoltà l’intera struttura sotto il profilo igienico-sanitario, per l’irrigazione dell’orto e l’abbeveraggio degli animali (capre, anatre). L’accesso limitato alla risorsa comporta la raccolta in secchi da parte dei bambini e delle donne. Nel periodo di stagione secca (giugno ottobre / gennaio marzo) è possibile rimanere senza acqua per un mese consecutivo. La rete di distribuzione idrica nella città di Kigoma dipende dalla disponibilità di energia elettrica che alimenta le pompe in uso per l’approvvigionamento idrico della città. L’energia elettrica è erogata da un’unica centrale a olio combustibile, peraltro percolante nel lago e quindi inquinante, soggetta a continue e prolungate interruzioni di erogazione per varie ragioni: malfunzionamento della centrale, problemi nella fornitura del combustibile alla centrale dovuti all’isolamento geografico della città, fluttuazione dei costi del combustibile e mancanza di fondi per il mantenimento della centrale. Mancando l'elettricità manca anche l'acqua. Il recupero delle acque piovane è molto incoraggiato e abbastanza praticato nella regione.

Educazione Transculturale
A Sanganigwa l'Italia è di casa

Le poesie dei bambini di Firenze tradotte in inglese e swahili sono materia di scambio culturale con i bimbi di Kigoma, in Tanzania. Grazie a Fiorenza Ginanni, insegnante sostenitrice e socia del JGI Italia, i bimbi dell'Istituto "Calasanziane" di Firenze e del "Sanganigwa Children's Home" di Kigoma si conoscono attraverso materiale prodotto dagli uni e dagli altri durante l'anno, video di presentazione, fotografie. I ragazzi del "Calasanziane" hanno realizzato tre grandi tele dipinte da loro con soggetti che richiamano la natura e la biodiversità. Insieme ai ragazzi di Sanganigwa con i quali lavorerà per alcune settimane Fiorenza Ginanni sta inoltre realizzando una performance teatrale sulle tematiche ambientali e coinvolgendo i ragazzi in attività esterne legate alla preparazione degli orti biologici di Sanganigwa.

Per informazioni: info@janegoodall-italia.org.

Tiffany - Radio 2
giovedì 11 agosto

Giovedì 11 agosto Daniela De Donno dal Cairo alle 6.30 interviene a Tiffany, la trasmissione del mattino di Radio2.
Il podcast: http://www.radio2.rai.it/dl/Radio2/.

Benvenuto Sud Sudan
Il Sud Sudan è il 193° Stato del mondo

Il 9 luglio 2011 il Sud Sudan è divenuto il più giovane stato del mondo. La nascita della Repubblica del Sud Sudan è il risultato di un processo di pace durato sei anni, avviato nel gennaio del 2005 con un accordo di pace firmato tra il governo sudanese a Khartoum e i ribelli del Movimento di Liberazione del Popolo Sudanese che combatteva da decenni per la separazione del sud cristiano dal nord musulmano.

http://www.un.org/en/peacekeeping/missions/unmis/referendum.shtml
http://www.un.org/News/dh/infocus/UN_membership.shtml

Ogni minuto un bambino operaio subisce incidenti, malattie o traumi psicologici causati dal lavoro

UN – Sono circa 115 milioni i bambini operaio impiegati in lavori pericolosi in tutto il mondo. Più della metà dei 215 milioni di bambini operai di tutto il mondo sono impiegati in lavori pericolosi che li mettono a rischio di ferite, malattie o morte. E’ quanto emerge dal nuovo rapporto reso noto il 10 giugno dall’ Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL). Il rapporto, “Children in hazardous work: what we know, what we need to do,” cita studi condotti in paesi industrializzati e in via di sviluppo, e segnala che ogni minuto un bambino operaio subisce incidenti, malattie o traumi psicologici causati dal lavoro.

“Povertà, conflitti e pratiche tradizionali dannose sono alcune delle cause del lavoro minorile. La domanda di lavoro minorile è alta perché è economico usare i minori e perché i bambini sono per natura più docili e facili da disciplinare rispetto agli adulti, e fin troppo spaventati per protestare” afferma Gulnara Shahinian, esperta delle Nazioni Unite sulle forme contemporanee di schiavitù.

LEGGI l'Articolo
http://www.un.org/apps/news/story.asp?NewsID=38680&Cr=labour&Cr1.

Collaborare per costruire il futuro
con Fabula in Art

La onlus Fabula in Art, presieduta da Alberto Michelini, e Jane Goodall Institute Italia collaborano per il futuro dei bambini di Sanganigwa, in particolare per la loro educazione scolastica e, nel caso dei ragazzi più grandi, per la loro formazione professionale. Il JGI Italia è grato a Fabula in Art per il suo prezioso sostegno destinato ai bambini di Kigoma in Tanzania.


Photo©Jane Goodall Institute

Valutazione delle strutture
Progetto Sanganigwa, Kigoma in Tanzania

L'ingegnere Filippo Ginanni sta svolgendo una valutazione tecnica dei progetti strutturali avviati a Sanganigwa: costruzione delle case-famiglia, raccolta delle acque piovane, installazione del fotovoltaico. L'ing. Ginanni supervionerà nei prossimi giorni anche il progetto "Orto" sostenuto dalla Provincia di Livorno e dal IV Circolo Didattico "La Rosa" di Livorno coordinato da Francesca Chiellini e Morena Campani.

Kipepeo a Sanganigwa
Istat Art House

Kipepeo, farfalla in swahli, è il nome che è stato affiancato alla Art house presente a Sanganigwa dal 2005, grazie al contributo degli amici del'Istat. La struttura è luogo di incontro dei bambini più piccoli che non sono ancora in età scolare e che grazie alla presenza di Sarah Wechselberger che li raduna possono imparare giocando e sviluppare la creatività e l'immaginazione di cui spesso sono privati a causa dei traumi subiti: dall'abbandono, alle violenze, alla vita in strada. Sarah ha riorganizzato e dotato la art house di nuovo materiale, ma anche reciclato, affiché i bimbi possano sentirsi leggeri e liberi di volare proprio come una farfalla.


Campo polifunzionale a Sanganigwa
Work in progress...

Procedono, nei tempi indicati dalla compagnia costruttrice, i lavori per la realizzazione del campo polifunzionale a Sanganigwa. Presto quindi le bambine di Kigoma potranno finalmente avere uno spazio tutto loro per praticare sport, dalla pallavolo, al tennis, alla pallacanestro....e tutti i giochi che avranno voglia di inventare.

 

Photo©

“Canale per l’Africa”: si è conclusa con successo la prima parte del progetto

Si è conclusa con una grande e bella festa presso la Scuola Primaria di Canale Monterano la prima parte di “Canale per l’Africa”, il progetto del Comune di Canale e della Riserva Regionale Monterano.
L’8 giugno scorso si è tenuta infatti la “1° giornata di cooperazione e solidarietà”, che è stata anche occasione per presentare alle famiglie e alla cittadinanza i lavori svolti da tutti i ragazzi e delle loro insegnanti durante l’anno scolastico 2010-2011.
I lavori realizzati dai bambini con creatività, fantasia e notevole capacità inventiva, sono stati raccolti e presentati al pubblico in una bella mostra che ha suscitato l’attenzione e l’ammirazione dei numerosi presenti.
Il materiale predisposto per il progetto “Canale per l’Africa”, particolarmente apprezzato, comprende scritti e disegni da inviare ai bambini di Sanganigwa, orfanatrofio in Tanzania gemellato con la scuola primaria di Canale. L’iniziativa, di cui il nostro istituto è partner assieme all’IC “Manziana”, è finalizzata alla promozione della cultura della pace, del disarmo e della solidarietà sociale ed è finanziata dalla Regione Lazio-Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile.
Sono intervenuti alla festa le famiglie dei ragazzi, il Sindaco di Canale Monterano Angelo Stefani, la Preside dell’IC “Manziana” Anna Lucia Onori, il personale della Riserva e della cooperativa Lymph@ e la Dr.ssa Marisa Ceccarelli, responsabile del progetto per il Jane Goodall Institute Italia.
Vedi news 2012


Photo©

United Books for Africa - ROMAKIGOMA - Libri Uniti per la Pace

Tra i primi dieci vincitori il progetto presentato dal JGI Italia-Sede di Roma per la Campagna Biblioteche Solidali del Comune di Roma.

Il progetto di cooperazione “United Books for Africa - ROMAKIGOMA - Libri Uniti per la Pace” presentato dal JGI Italia - Sede di Roma, è risultato tra i primi dieci progetti vincitori del bando “Campagna Biblioteche Solidali Biennio 2011-2012” promosso dall’Istituzione Biblioteche di Roma.
Dal 2006 le Biblioteche di Roma operano nel campo della cooperazione bibliotecaria con i Paesi del Sud del mondo con la Campagna “Biblioteche Solidali” ispirata ai principi UNESCO e IFLA con lo scopo di promuovere a livello globale “il diritto alla lettura e all’informazione” attraverso la costruzione di biblioteche nei paesi in via di sviluppo e offrendo ai cittadini di Roma occasioni per essere informati sulla cultura e le realtà di detti Paesi.
Il progetto del JGI Italia - Sede di Roma è finalizzato all’allestimento della biblioteca di Sanganigwa come centro polifunzionale tematico sulla biodiversità, a servizio sia dell’orfantrofio che della cittadinanza di Kigoma.
E’ prevista la formazione di due operatrici della locale ngo “Kigoma to kigoma Children”, che avranno il compito di garantire il funzionamento della biblioteca, e la produzione di poster e volantini per il corretto uso dell’acqua, per favorire la lettura e l’utilizzo della biblioteca come centro di ricreativo, per diffondere le norme igieniche di base per prevenire le malattie più comuni.
Il progetto “United Books for Africa - ROMAKIGOMA - Libri Uniti per la Pace” è finalizzato al superamento del digital divide e prevede anche l’acquisto e la donazione di semplici attrezzature informatiche e multimediali e lo svolgimento di corsi base informatici.
 

Tiffany - Radio 2
lunedì 25 luglio

La presidente del JGI Italia Daniela De Donno interviene alla trasmissione mattutina di Radio 2 Tiffany, alle ore 6.30 di lunedì 25 luglio.
Il podcast: http://www.radio2.rai.it/dl/Radio2/.

 

Photo©

Energia solare a Sanganigwa
giugno 2011

Si sono conclusi a Sanganigwa i lavori per l'installazione di pannnelli fotovoltaici nelle prime tre case famiglia grazie ai Rotary Club Dar es Salaam, Bassano del Grappa, Beyrouth, District 9200, District 7620. Questo passo importante e necessario permetterà a Sanganigwa di avviarsi verso l'autonomia energetica dando un contributo significativo anche alla tutela dell'ambiente. La città di Kigoma infatti riceve energia da un’unica centrale elettrica a olio combustibile ed è soggetta a prolungate interruzioni di erogazione per varie ragioni: malfunzionamento della centrale, problemi nella fornitura del combustibile alla centrale dovuti all’isolamento geografico della città, fluttuazione dei costi del combustibile e mancanza di fondi per il mantenimento della centrale. La centrale ha un discreto impatto inquinante sul suolo e sulle acque del lago Tanganyika che si trova a pochi metri di distanza dalla centrale stessa, a causa di perdite di olio combustibile, visibili anche ad occhio nudo. Inoltre, nella regione il 90% dei nuclei abitativi è privo di energia elettrica con la conseguente richiesta quotidiana di carbone e legna per cucinare che determina un drammatico impatto sulle foreste e aree boschive circostanti, aggravando il costante disboscamento per l’agricoltura e il legname da costruzione.

 


Photo©

Sanganigwa giugno 2011
Work in progress
Sistema raccolta acqua piovana

Sono iniziati a Sanganigwa i lavori per la costruzione del sistema di raccolta dell'acqua piovana nelle case famiglia, grazie alla donazione della Findomestic.
Il nostro obiettivo è quello di dotare ogni struttura abitativa di impianto a grondaie per la raccolta delle acque, convogliate in un serbatoio ciascuna. Dal serbatoio partirà anche il sistema di irrigazione cosicché venga perpetuamente garantito il fabbisogno giornaliero di acqua per la produzione di ortaggi, oltre che per uso personale.
Infatti, nonostante la vicinanza del lago, il Centro è per la maggior parte del tempo privo di acqua a causa del cattivo funzionamento del sistema di erogazione statale. Nel periodo di stagione secca (giugno ottobre /gennaio febbraio) è possibile rimanere senza acqua per un mese consecutivo. L’approvvigionamento di acqua al lago con i secchi diventa in queste circostanze l’unica gravosa soluzione, soprattutto per le bambine e le donne. In assenza o scarsità di acqua risulta addirittura difficile il mantenimento del piccolo orto comune già esistente, che fornisce ai bambini parte del fabbisogno settimanale.

Campo polifunzionale
Sono iniziati i lavori per la costruzione del campo da pallovalo/basket a Sanganigwa, grazie agli amici della USRoma83 e Minerva Roma. La donazione, insieme a quella del Comune di Pelago, permetterà alle bambine ed alle ragazze di avere un posto per praticare sport. Infatti il campo esistente, in realtà uno spiazzo di terra livellato, viene utilizzato, quando possibile, dai ragazzi per il calcio. Siamo contente di questa opportunità perchè siamo convinte che il gioco e lo sport siano necessari per uno sviluppo psico fisico armonico e per il superamento dei traumi che i piccoli ospiti di Sanganigwa hanno subito.


Photo© Scuola Media - Don Milani

Lotteria per le case famiglia
Istituto comprensivo Don Milani di Prato
9 giugno ore 11

Il 9 giugno, alle 11 presso la Scuola Media dell'Istituto comprensivo Don Milani di Prato avverrà l'estrazione dei biglietti vincenti della lotteria organizzata dalla prof.ssa Valentina Sannipoli con l'approvazione del Comitato Genitori ed il cui ricavato sarà destinato al progetto casa famiglia dell'orfanotrofio Sanigangwa.
La prof. Sannipoli ha attivato nelle classi un "progetto solidarietà" e con la collega Anna Mannini ha presentato ai ragazzi l'attività dell'associazione JGI presso Sanganigwa. I ragazzi, dopo aver compreso la finalità dell'associazione, hanno deciso che il raggiungimento della cifra per arredare la terza casa famiglia sarebbe stato il loro obiettivo. E' così iniziato un lavoro ben organizzato e strutturato dalla prof. Sannipoli per coinvolgere tutti i ragazzi delle 9 classi e permettere ad ognuno di raccogliere adesioni all'iniziativa. Un piccolo contributo volontario di 1€ permetteva di assicurarsi un biglietto della lotteria che prevede 3 premi in palio: primo premio un computer portatile, secondo e terzo due buoni per un acquisto in negozi situati nelle adiacenze della scuola.

Viaggi consapevoli a Kigoma
21-10 settembre 2011

Grazie alla collaborazione, nata un anno fa, tra Piccoli Mondi e JGI Italia si terranno dal 21 agosto al 10 settembre 2011 Campi di conocenza e solidarietà a Sanganigwa.
A tutti quelli che desiderano partecipare a un viaggio diverso, consapevole, solidale, eco sostenibile, consigliamo di guardare il seguente link http://www.piccolimondi.it/volontariato-in-tanzania.php.

New York Times: Jane Goodall, due nuove biografie

Scrive Steve Jenkins sul New York Times "Considerando quanto felice sia stata l'infanzia di Jane Goodall, trascorsa per lo più all'aria aperta, piena di cavalli, cani. pulcini e tartarughe .... , e la sua vita da adulta, pioniera degli studi sullo scimpanzé e influente ambientalista, ci si meraviglia che non vi siano abbastanza biografie su di lei dedicate al pubblico giovanile. Due nuovi libri illustarti - Me.... Jane e The Watcher - aiutano a riempire questo vuoto ed entrambi connettono saggiamente l'infanzia di Goodall con i suoi successivi successi ......"
Il video: http://video.nytimes.com/video/2011/05/13/books/review/100000000789861/jane-goodall-illustrated.html
L'articolo: http://www.nytimes.com/2011/05/15/books/review/childrens-books-about-jane-goodall.html?_r=2
Tra l'altro, nella letteratura per ragazzi il ruolo femminile è spesso secondario, molto raramente la donna (ragazza, bambina) è rappresentata come l'eroe della storia. La letteratura per ragazzi è più piena di pregiudizi di genere di un episodio di Mad Man... si legge su http://thestir.cafemom.com/big_kid/119896/your_girls_favorite_book_is  che presenta una lista di libri per bambini per eviatere che "il libro favorito di tua figlia rovini la sua autostima"!

Dr Goodall e la banca mondiale

Conversazione con Jane Goodall alla Banca Momdiale su youtube
http://www.youtube.com/watch?v=KOXmpRojpwY

IL BENE COMUNE

Non è il caso di fare profitti sull'acqua, un bene che deve essere garantito a tutti, vitale. Il 12 e 13 Giugno si vota per i due referendum per l'Acqua Pubblica. I seggi rimarranno aperti dalle 08:00 alle 22:00 di giorno 12 e dalle 07:00 alle 15:00 di giorno 13. Chi vota all'estero dovrà far pervenire al proprio consolato il plico con il suo voto entro Giovedì 9 Giugno alle 16:00. Il referendum è abrogativo, nei link di seguito i quesiti.

http://www.referendumacqua.it/
http://www.acquabenecomune.org/raccoltafirme/

Ferma il nucleare

E' tempo di scelte, è tempo di responsabilità. Dipende da noi la scelta di vivere inun ambiente sano e aperto a soluzioni sostenibili per uno sviluppo duraturo in armonia con l'ambiente in cui viviamo. Dichiara il comitato: Noi, in Italia, siamo fortunati e avvantaggiati. Perché non abbiamo centrali sul nostro territorio. E sostenere, come alcuni in malafede fanno, che averle oltre confine, di là delle Alpi, non diminuisce il rischio è una grande bufala. Fukushima lo dimostra ancora un volta: gli incidenti nucleari creano il massimo del disastro nel territorio circostante, più si è lontani più si riducono i danni.
Siamo fortunati e avvantaggiati perché non dobbiamo sopportare i costi del decommissioning di nuove centrali e dello smaltimento di sempre nuove scorie – per quelle vecchie continuiamo a pagare: solo l’anno scorso 280 milioni di euro.- Scorie per le quali nessun paese al mondo ha trovato una soluzione definitiva. Tutto ciò si traduce anche in un vantaggio economico perché, come ammette persino il ministro Tremonti, non dobbiamo portare sulle nostre spalle il debito nucleare. Liberi di questo fardello, possiamo perciò concentrare tutti gli sforzi del paese nella rivoluzione energetica, che si è già avviata; nello sviluppo delle rinnovabili e dell’efficienza energetica; nella produzione distribuita e nella ricerca e innovazione. Tutti cavalli di battaglia, nei prossimi anni, per creare nuovi posti di lavoro e costruire nuove filiere industriali capaci di competere sui mercati mondiali. Anche perché la lotta ai cambiamenti climatici obbligherà tutti i paesi sviluppati ad impegnarsi su questi terreni.
Allora perché insistere? Una volta tanto vogliamo essere lungimiranti?

Leggi l'appello del comitato per fermare il nucleare su: http://www.fermiamoilnucleare.it/?page_id=596 

Al Parco dell'Appia Antica
Mercatino del giocattolo e solidale
Roma, 15 maggio

Il Jane Goodall Institute rinnova a tutti l'invito a sostenere i propri progetti e vi aspetta a Roma al Parco dell'Appia Antica dove grazie al mercatino dei giocattoli si può sostenere l'orfanotrofio Sanganigwa in Tanzania che ospita oltre cinquanta bimbi di differenti etnie e religioni in maggioranza orfani a causa dell'AIDS.



L'Egitto rivoluzionario per i diritti degli animali
Daniela De Donno dal Cairo racconta questo evento storico

La società civile egiziana si mobilita per gli animali. E' la prima volta che al Cairo si tiene una manifestazione per denunciare la condizione degli animali negli zoo. Il JGI Italia ha firmato un accordo di intesa con ESAF, la Egyptian Society for Animal Friends, per la promozione dell’educazione ambientale e per il benessere dei primati ed ha partecipato lo scorso 16 aprile alla manifestazione di protesta. La presidente De Donno ci aggiorna dal Cairo su questo evento storico. Cairo, 16 aprile 2011 - In questo momento di cambiamenti epocali e sogni da realizzare le proteste pubbliche sono il modo per piantare una bandiera in nome di una giusta causa. Sono molti i motivi politici, sociali, economici per cui lottare. Ma c’è stata una protesta, offuscata dalle altre rivolte al benessere e alla crescita del popolo egiziano, che è degna di nota poiché ha il sapore di una lotta per un ideale: il rispetto per tutti gli altri esseri viventi. In un certo senso, la protesta ha rappresentato in Egitto un momento storico della campagna in difesa degli animali e un grido di speranza in nome di coloro che noi esseri umani, i più intelligenti della terra, dovremmo proteggere.

Leggi l'articolo
Immagini su http://wildlife-eg.yolasite.com/protest-pictures-16-april.php

Il programma ludo educativo a Sanganigwa

Il programma educativo adottato da Sarah Wechselberger a Sanganigwa segue la metodologia europea. Il pomeriggio e nel tempo libero Sarah si reca con i bimbi alla Art House, creata dal JGI Italia alcuni anni fa grazie al sostegno degli amici dell'ISTAT. I bambini conoscono questo loro spazio dedicato al gioco e alla creatività e possono scegliere e decidere da soli con quali oggetto giocare, fare un puzzle o disegnare, creare qualcosa o giocare con le marionette. Sarah mette tutto il materiale a disposizione dei bambini e li sollecita, in base alle diverse età, a sentirsi liberi di fare e di creare, mettendosi a disposizione per eventuali domande o richieste. In alcuni casi Sarah offre loro un progetto, come il preparare i nidi pasquali, in questo caso ogni bambino deve partecipare ma è libero di prendere il suo tempo. I bambini imparano attraverso il fare e lo sperimentare. Se è necessario affrontare un determinato argomento, come l'uso di uno strumento o l'applicazione di un metodo, svolgere attività che richiedono l'attenzione dell''intero gruppo, come richiedono ad esempio l'educazione musicale ritmica o l'introduzione di un nuovo gioco, Sarah raduna i bimbi in circolo.


Photo© Sarah Wechselberger

PASQUA a Sanganigwa

Sarah lavora a Sanganigwa come volontaria del JGI Italia insieme ai bimbi più piccoli, essendo educatrice per l'infanzia. Sarah è austriaca e per il periodo pasquale ha avviato un programma ludico ed educativo riprendendo la tradizione del suo paese di creare insieme ai bimbi dei nidi che gli adulti riempiono con cramelle e regalini e nascondono in giardino. Sarah e i bambini di Sanmganigwa hanno preparato i nidi con palloncini e carta pesta usando della vecchia carta di giornale che il vescovo Prothase, uno dei pochi lettori della zona, ha fatto avere loro. Come colla Sarah e i bimbi hanno utilizzato un intruglio di farina ed acqua. Ogni nido è stato decorato con acquarelli, colorando e disegnando conigli, galline, pulcini .. Sarah ha colto l'occasione per insegnare l'uso corretto delle forbici, della colla, del pennello, ma ha lasciato i bambini completamente liberi nel decorare il proprio nido.
I nidi riempiti di caramelle sono stati nascosti all'alba del giorno di Pasqua nel giardino di Sanganigwa. La divertente caccia al tesoro ha regalato ai bimbi un giorno di felicità.

Bio-Fioricola di Primavera
Pelago (FI)
25 aprile

Torna lunedì 25 aprile a Pelago la Biofioricola di Primavera, mostra mercato di prodotti biologici, fiori, volontariato ed artigianato artistico. In Piazza Ghiberti il JGI Italia vi aspetta nell'ambito della mostra mercato “Pelago insieme per il volontariato” che presenterà il Progetto Sartoria-Kigoma Tanzania- “Jane Goodall Institute” coordinato da Fiorella Braccini del Lungo, coordinatore locale del Jane Goodall Institute. Segnaliamo, inoltre, l'inaugurazione della mostra “I silenzi”, dipinti e maioliche di Renzo Del Lungo.

per informazioni: 


2011 Anno Internazionale delle Foreste a Sanganigwa

Il Jane Goodall Institute Italia ha organizzato a Sanganigwa, Kigoma, una giornata dedicata alle Forste. Insieme, i bambini del Centro e i giovani volontari del Lowell Whiteman School di Steamboat Springs, in Colorado, la Giornata Internazionale indetta dall'ONU, in visita a Kigoma nell'ambito del programma di scambio interculturale Roots&Shoots, hanno piantato numerosi alberi all'interno del complesso di Sanganigwa, approfondito il tema della deforestazione e realizzato poster divulgativi.

Al Parco dell'Appia Antica
Mercatino del giocattolo e solidale
Roma, 17 aprile

Il Jane Goodall Institute rinnova a tutti l'invito a sostenere i propri progetti e vi aspetta a Roma al Parco dell'Appia Antica dove grazie al mercatino dei giocattoli si può sostenere l'orfanotrofio Sanganigwa in Tanzania che ospita oltre cinquanta bimbi di differenti etnie e religioni in maggioranza orfani a causa dell'AIDS.

 
jane-gombe.jpg (30987 bytes)
Photo©

Digitalizzate le note di campo della scienziata Jane Goodall

Nel luglio del 1960 Jane Goodall iniziò a registrare meticolosamente il comportamento degli scimpanzé in Africa. Quell'impegno è proseguito ininterrotto per 50 anni. I dati che ne sono derivati sono ora stati digitalizzati per le generazioni future. La collezione include tutte le annotazioni della Goodall, incluse le sue primissime osservazioni,insieme a racconti in inglese e swahili, note di controllo, i disegni di mappe, video e fotografie. "Il contributo di Jane Goodall allo studio dei primati è inimmaginabile" dice Anne Pusey, che iniziò a lavorare con la Goodall in Africa nel 1970 e supervisionerà il progetto ospitato dalla Duke University (USA). "Goodall ha contribuito a determinare un nuovo modo di studiare gli animali in natura ed ispirato innumerevoli altri a seguire il suo esempio".

http://www.futurity.org/science-technology/jane-goodalls-field-notes-digitized/

JANE GOODALL PER TIME MAGAZINE

Jane Goodall risponde ai lettori di Time Magazine.
http://www.financebo.com/time-magazine-interviews-dr-jane-goodall-5376.html


©Lowell Whiteman School

Volontari a Sanganigwa
dalle Montagne Rocciose al Lago Tanganiga
un programma del Roots&Shoots Italia
Kigoma, 15-18 Aprile

Un viaggio-studio/lavoro a Sanganigwa per i ragazzi della Lowell Whiteman School di Steamboat Springs, tra le Montagne Rocciose, in Colorado. La scuola media ha un forte programma di attività esterne e viaggi di conoscenza all'estero ed ha solo 75/80 studenti. Ogni anno, piccoli gruppo di studenti viaggiano in 4 diversi paesi per vivere una esperienza di educazione globale. Quest'anno, i 4 viaggi sono in Buthan e Tailandia, Vietnam e Cambogia, Cile, Tanzania. Il viaggio in Tanzania sarà intrapreso da 12 studenti tra i 15 e 17 anni insieme alla loro direttrice Lainey Heartz e alla co-direttrice Ryan Connelly. Sei ragazze e sei ragazzi compongono il gruppo degli studenti che, prima della partenza, ha studiato la geografia, il clima, la storia, la cultura, le abitudini, le arti, la politica e la religione del paese a partire da dicembre dello scorso anno. Il grppo ha approfondito grazie alla visione di documentari e incontri con ospiti speciali. I ragazzi hanno partecipato a giochi disegnati allo scopo, realizzato manufatti e risposto a quiz sulla Tanzania. Ogni viaggio-studio promosso dalla scuola include i seguenti elementi: servizio volontario, avventura, immersione culturale e scambio tra scuole. Il più grande e più importante aspetto del viaggio è l'opportunità di di servire la comunità che abbiamo a Sanganigwa Children's Home. Gli studenti della Lowell Whiteman School sono entusiasti del viaggio e non vedono l'ora di incontrare i bambini di Sanganigwa e contribuire concretamente offrendo il proprio tempo e il lavoro fisico, l'iniziativa, le proprie energie, sensibilità ed entusiasmo.
I ragazzi di sanganigwa e della Lowell Whiteman svolgeranno insieme la pulizia del giardino, pianteranno alberi da frutto celebrando The International Year of Forests 2011 (vedi news) grazie anche al supporto del progetto TACARE di Kigoma gestito dal JGI Tanzania, realizzeranno un percorso decorativo con pietre e terra che accolga l'acqua utilizzata durante il giorno da un serbatoio, lavoreranno sulla prevenzione delle malattie realizzando insieme poster sull'argomento (uso delle zanzariere, lavarsi bene le mani, prendersi cura dell'ambiente) da appendere alle pareti dell'infermeria, della stanza di pronto intervento e della biblioteca.

Jane Goodall tra le 100 donne più influenti del mondo

Da un'indagine del quotidiano inglese Guardian la rassegna delle 100 donne più influenti del mondo. Tra queste Jane Goodall e la fisica italiana Fabiola Gianotti.

http://voices.washingtonpost.com/fasterforward/2011/03/women_in_tech_from_guardians_t.html

http://www.guardian.co.uk/science/2011/mar/08/jane-goodall-100-women

Canale per l'AFRICA
30 marzo 2011

Il 30 marzo prossimo verrà presentato al pubblico il progetto “Canale per l’Africa”, realizzato dalla Riserva Naturale Regionale Monterano e finanziato dalla Regione Lazio-Assessorato Ambiente nel quadro delle iniziative di cooperazione internazionale. L’incontro si svolgerà alle ore 10.00 presso il Teatro Comunale c/o Plesso Scolastico di Canale Monterano.
L’iniziativa, che vede la partecipazione dell’IC Manziana-Sede di Canale e dell’associazione Jane Goodall Institute-Italia, è finalizzata ad attivare un gemellaggio tra i ragazzi e i docenti della scuola elementare di Canale e quelli di Sanganigwa, orfanotrofio che si trova a Kigoma, nella Tanzania occidentale. Sanganigwa, che in linga swahili vuol dire “benvenuto”, è un centro che accoglie ragazzi abbandonati o rimasti orfani.
Acquisire una maggiore conoscenza del proprio territorio, dei valori in esso presenti, dell’identità culturale espressa dalla propria comunità e utilizzare questa consapevolezza per creare un legame, duraturo e stabile, con membri di una comunità diversa presente in un altro paese, sono alcuni degli obiettivi di questa iniziativa.
La conoscenza reciproca e lo scambio avverranno sia utilizzando mezzi tradizionali, quali il disegno e la scrittura, sia utilizzando le tecnologie informatiche che permettono di collegarsi e conoscersi anche a migliaia di chilometri l’uno dall’altro.
Il progetto prevede la partecipazione di tutte le classi della scuola elementare di Canale (170 bambini e 15 docenti) e di 60 bambini e 12 docenti ospiti dell’orfanatrofio Sanganigwa.

Missione di valutazione
marzo 2011

Visita a Kigoma del coordinatore JGI Italia Lara Milone per una valutazione sul campo del progetto Case Famiglia. Insieme al coordinatore di Sanganigwa Kenneth Hageze è stato verificato lo stato di avanzamento dei lavori di costruzione della terza casa, il progetto "Orto" per la realizzazione degli orti biologici associati alle case famiglia, il progetto "Sanganigwa Tayloring" per lo sviluppo della cooperativa di sartoria composta dalle giovani donne che fanno capo al centro per ragazzi di strada Sanganigwa B. E' stato stabilito il piano di avanzamento dei lavori per le case e avviata la realizzazione di un campionario per la vendita dei manufatti della cooperativa.

ITINERARIO ROSA
il JGI Italia e la formazione femminile in Tanzania
dal 25-31 marzo al Conservatorio S. Anna Lecce

Nell'ambito di Itinerario Rosa, la manifestazione annuale promossa dal comune di Lecce, il JGI Italia presenta la mostra fotografica “Formazione professionale femminile in Tanzania:una speranza concreta”. Vi aspettiamo dal 25 al 31 marzo al Conservatorio S.Anna dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00.

http://www.comune.lecce.it/comunelecce/Settori/Cultura+-+Spettacolo+-+Turismo
http://www.viaggiareinpuglia.it/ev/3703/it/Itinerario-Rosa-2011?src=rss
http://www.corrieresalentino.it/attualita/29257-itinerario-rosa-2011

Al Parco dell'Appia Antica
Mercatino del giocattolo e solidale
Roma, 20-21 marzo

Nel primo fine settimana di primavera il Jane Goodall Institute vi aspetta a Roma al Parco dell'Appia Antica dove grazie al mercatino dei giocattoli si può sostenere l'orfanotrofio Sanganigwa in Tanzania che ospita oltre cinquanta bimbi di differenti etnie e religioni in maggioranza orfani a causa dell'AIDS.

http://www.parcoappiaantica.it/it/notizienew.asp?ID=500&t=N&Dir=p
http://roma.corriere.it/roma/notizie/tempo_libero/11_marzo_18.shtml
http://lnx.ledomenichedeipicnic.it/wordpress/riciclo-beneficenza-parco-appia.html

TEATRO
Al teatro Ringhiera di Milano "l'ombra dell'uomo"

"MME CHEETA! YOU...!!??
via Boifava 17, Milano
dal 9 al 12 marzo ore 20.45 - 13 marzo ore 16.00

Scritto da Joseph Scicluna racconta la storia di Chita che "nei lontani anni trenta fu preso dalla giungla con metodi poco ortodossi, dopo che la sua famiglia venne sterminata quasi interamente dalla MGM - Metro Golden Mayer, messo poi su una nave mercantile insieme a giraffe, ippopotami, leoni, elefanti e serpenti..... Tutto questo per creare una savana negli studios e per dar vita ad uno dei primi serial-film: Tarzan (ben 12 gli episodi). Lo spettacolo indaga il mondo Hollywoodiano dal punto di vista di un attore non umano. Questa è la storia della strategia che Cheeta mette in atto per sopravvivere nello star-system....".

www.scarlattineteatro.it
http://www.teatroespettacolo.org/programma-teatri-Milano.htm
http://www.inmilano.com/eventi/me-cheeta-you

"HAMMOND GROOVE" & CAMon! afternoon party
concerti, incontri e molto altro.....
Firenze, teatro ExFILA domenica 6 marzo

Il Centro Attività Musicali CAM e ARCI Firenze vi aspettano al teatro ExFILA insieme al Jane Goodall Institute domenica 6 marzo a partire dalle 17.30: Max Tempia, organo Hammond – Simone Santini, alto sax – Cosimo Marchese, batteria. Il concerto sarà preceduto da una performance dei combo degli allievi CAM.
Dal pomeriggio sarà allestito uno stand e un piccolo mercato a favore del Jane Goodall Institute-Italia grazie a Daniela Pelati, Anna Mannini e Paola Diligenzi che vi aspettano per un aggiornamento sul progetto Sanganigwa del JGI a Kigoma, in Tanzania, al quale saranno destinati i fondi ricavati.
Il teatro ExFILA di Firenze è in via Leto Casini 11.

 

"MEETING SOUND QUARTET" & CAMon! afternoon party
concerti, incontri e molto altro.....
Firenze, teatro ExFILA domenica 27 FEBBRAIO

Il Centro Attività Musicali CAM e ARCI Firenze vi aspettano al teatro ExFILA insieme al Jane Goodall Institute domenica 27 febbraio a partire dalle 17.30: Claudio Giovagnoli, sax tenore e soprano – Simone Graziano, pianoforte – Gabriele Evangelista, contrabbasso – Bernardo Guerra, batteria. Il concerto sarà preceduto da una performance dei combo degli allievi CAM.
Dal pomeriggio sarà allestito uno stand e un piccolo mercato a favore del Jane Goodall Institute-Italia grazie a Daniela Pelati, Anna Mannini e Paola Diligenzi che vi aspettano per un aggiornamento sul progetto Sanganigwa del JGI a Kigoma, in Tanzania, al quale saranno destinati i fondi ricavati.
Il teatro ExFILA di Firenze è in via Leto Casini 11.

 

"JAZZIN" & CAMon!afternoon party
concerti, incontri e molto altro.....
Firenze, teatro ExFILA domenica 20 FEBBRAIO

Il Centro Attività Musicali CAM e ARCI Firenze vi aspettano al teatro ExFILA insieme al Jane Goodall Institute domenica 20 febbraio a partire dalle 17.30: Massimiliano Calderai al pianoforte, Gianni Zei alla chitarra, Francesca Taranto basso elettrico, Stefano Rapicavoli batteria. Il concerto sarà preceduto da una performance dei combo degli allievi CAM.
Dal pomeriggio sarà allestito uno stand e un piccolo mercato a favore del Jane Goodall Institute-Italia grazie a Daniela Pelati, Anna Mannini e Paola Diligenzi che vi aspettano per un aggiornamento sul progetto Sanganigwa del JGI a Kigoma, in Tanzania, al quale saranno destinati i fondi ricavati.
Il teatro ExFILA di Firenze è in via Leto Casini 11.

20 anni con Roots&Shoots
Il programma del JGI dedicato ai giovani compie venti anni

Il progamma ambientale e umanitario internazionale del Jane Goodall Institute dedicato ai giovani compie 20 anni. Era il 1991 quando Jane Goodall e un gruppo di studenti della Tanzania fondarono Roots & Shoots - Radici e Germogli, oggi movimento globale di giovani attivisti impegnati per la tutela ambintale e per la pace. In oltre 120 nazioni centinaia di migliaia di giovani che aderiscono a R&S lavorano insieme in progetti da loro stessi guidati per contribuire a migliorare le proprie comunità e rendere il mondo migliore per l'uomo, gli animali e l'ambiente. L’interdisciplinarietà, l'apprendimento operativo e l’esempio sono i cardini della metodologia R&S secondo cui le Radici rappresentano la potenza dell’esempio e la nostra storia, i Germogli sono i giovani che con le loro energie e motivazioni possono aprirsi un varco verso la soluzione dei problemi che abbiamo creato al nostro pianeta.

http://www.rootsandshoots.org/newsevents/news?nwsid=4EDE034B-55CC-8456-FAB0-9B7BB7441000#video

Anche quest'anno il JGI Italia aderisce a M'illumino di meno
18 febbraio 2011
dalle ore 17 alle 19.30

Anche quest'anno il JGI Italia aderisce alla campagna M'illumino di meno.
Speriamo di ridurre gli sprechi in Italia e...aumentare i sistemi di produzione di energia pulita in Africa. Dateci una mano!

http://www.radio.rai.it/radio2/millumino/millumino.cfm?club_modulo=reg12

A Jane's Journey di Lorenz Knauer il Green Film Award
Cinema per la Pace
Berlino 2011

Il Jane Goodall Institute celebra la vittoria del Green Film Award. A Lorenz Knauer e al suo film documentario dedicato a Jane Goodall, Jane's Journey, è andato l'International Green Film Award presentato da Opel e destinato alle grandi opere di interesse ambientale.


 

 © JGI-Italia

13 febbraio
JGI Italia a Piazza Strozzi, Firenze
dalle 11 alle 18

Domenica 13 febbraio il JGI Italia vi aspetta in piazza Strozzi a Firenze per un aggiornamento sui suoi progetti. L’occasione è data dalla Giornata del Malato 2011 promossa dall’AVIS Comunale di Firenze, organizzata da Massimo Rinaldi (Circolo Millefiori / Comitato Buonsenso Comune).
Uno stand informativo sarà a disposizione del pubblico a partire dalle ore 11 grazie alla preziosa collaborazione dei volontari e sostenitori Daniela Di Puccio, Fiorenza Ginanni, Anna Mannini, David Kusalula Mannini, Maria Fausta Prosperi. A partire dalle 14 sarà presente la presidente JGI Italia Daniela De Donno insieme alla presidente UNESCO di Firenze Maria Luisa Stringa. Oltre a raccogliere fondi per i progetti in Tanzania sarà possibile ricevere informazioni sull’Istituto e sui progressi del programma di educazione sanitaria tenuto presso la biblioteca tematica dell’orfanotrofio Sanganigwa di Kigoma. I fondi raccolti sono destinati all’acquisto di farmaci per l’infermeria dell’orfanotrofio.
Vi aspettiamo.....

 

 

Il Parco Naturale di Gombe e la sua foresta

 2011 Anno Internazionale delle Foreste

Il Messaggio di Jane Goodall nell'Anno delle Foreste

 

Le foreste sono una risorsa vitale per il pianeta, proteggono i corsi d'acqua, nutrono il terreno e ne contrastano l'erosione, sono essenziali per contenere il cambiamento climatico, immagazzinano grosse quantità di carbonio, forniscono cibo, materiale da costruzione, combustibile e medicine oltre ad ospitare l'80% della varietà biologica mondiale in termini di specie animali e vegetali. L'ultimo rapporto mondiale della FAO ha evidenziato che il tasso di deforestazione è diminuito negli ultimi 10 anni, ma ogni anno viene ancora distrutta un'area di circa 50000 kmq di foresta, pari a circa le dimensioni di un paese come il Costa Rica.
Educare i giovani a conoscere le foreste e a comprenderne l’importanza vitale per l’uomo è il primo passo per la loro conservazione futura. Attraverso il programma Roots&Shoots il JGI Italia chiede alle classi di aderire all'Anno Internazionale delle Foreste per non fare mancare il nostro contributo di cittadini del mondo responsabili.

Le scuole che vorranno unirsi al nostro progetto possono scrivere a info@janegoodall-italia.org indicando come oggetto: Anno delle Foreste.

http://www.un.org/apps/news/story.asp?NewsID=341955
http://www.iucn.org/about/work/programmes/forest/iyf/know/
http://www.iisd.ca/mea-l/meabulletin91.pdf
http://www.iucn.org/about/work/programmes/forest/iyf/
http://www.arpa.emr.it/pubblicazioni/natura/notizie_991.asp

Scheda informativa sulle Foreste - UNRIC.

Gennaio 2011
“Itinerari di pace. Materiali e percorsi didattici multimediali sulla pace e sulla cooperazione tra i popoli”

E' partito il progetto “Itinerari di pace. Materiali e percorsi didattici multimediali sulla pace e sulla cooperazione tra i popoli” finanziato dalla Regione Lazio nell'ambito del Bando 2009 sulla promozione della cultura della pace. Presentato dall'Istituto di Ricerche Internazionali Archivio Disarmo come soggetto capofila e in partenariato con il JGI Italia, il Centro Benny Nato e ASAL, l'iniziativa prevede l'elaborazione e la presentazione di materiale didattico multimediale sulla pace e cooperazione tra i popoli alle scuole italiane.

"Canale per l'Africa. Programma scolastico di scambio internazionale per favorire la cultura della pace, dell'accoglienza e dei diritti dei bambini";;

treehugger

Un sondaggio condotto dal portale newyorkese TREEHUGGER, leader nell'informazione sulla sostenibilità, consacra Jane Goodall personaggio dell'anno. La ragione della popolarità della eco-eroina Jane Goodall, scrive TREEHUGGER, è l'aver studiato per cinquanta anni gli scimpanzé e le antropomorfe e sostenuto la tutela degli habitat più vulnerabili del mondo. In tutti questi anni Jane Goodall ha sostenuto che i piani di conservazione "non possono separare uomini e animali": dalle riserve marine alle savane dell'Africa le istituzioni competenti stanno finalmente sempre più realizzando che il coinvolgimento delle comunità locali è essenziale al fine di proteggere la biodiversità.

http://www.treehugger.com/files/2010/12/treehugger-person-of-the-year-the-readers-choice.phpp


© JGI-Spagna

Congratulazioni JGI Spagna

Un premio prestigioso al JGI Spagna dalla città di Barcellona per il progetto Roots & Shoots sulla biodiversità urbana Biodiverciudad. Il brillantissimo progetto di educazione ambientale dell'Istituto Jane Goodall Spagna è uno dei programmi più conosciuti nel paese, anche grazie al personaggio Professor Roots

Dal Parco Petroselli a....Sanganigwa
Roma, 2 gennaio

Dal Parco Petroselli a Piazza San Pietro per i bambini di Sanganigwa.
La US Roma 83, che ha preso a cuore il futuro dei bambini di Sanganigwa, organizza il 2 gennaio una corsa in loro sostegno. La società aspetta tutti gli atleti che vogliano partecipare al Parco Petroselli, zona Viale Kant, da dove partirà il gruppo per raggiungere Piazza S. Pietro e poi tornare tutti insieme per un brindisi alla casa del Parco Petroselli.
Per partecipare contattate la US Roma 83 http://www.usroma83.it
Vi aspettiamo numerosi!

 

 

 

 

home :: chi siamo :: Jane Goodall :: Attività :: News :: Scimpanzé :: Come Sostenerci :: Letture :: Contatti :: English Version :: 5xmille

© Istituto Jane Goodall Italia Onlus C.F.: 93051410756. Tel/Fax: +39 0875 702504/06 36001799